Errani al Masters di Istanbul

Dario Riccardi
Sognata, vista passare davanti agli occhi, ma alla fine volata via in un soffio.
L’impresa di Sara Errani al Masters di Istanbul appena terminato (torneo WTA sul cemento tra le migliori 8 al mondo) resta un sogno. Il tentativo di essere la prima giocatrice italiana a raggiungere le semifinali in questo prestigioso torneo è fallito.
Diciamoci la verità: all’inizio del torneo chi avrebbe puntato un solo centesimo su Sarita? Nessuno! Tutti la davano per spacciata ed  invece la nostra piccola-grande turbowoman  ha dimostrato ancora una volta al mondo intero che nell’olimpo delle grandi c’è posto anche per lei, raggiungendo un quarto di finale contro la polacca Agnieszka Radwanska.
Per come è andata la partita,questa sconfitta assomiglia tanto ad una vittoria ed il punteggio finale,
6-7 7-5 6-4, la dice lunga sull’impegno profuso dalla nostra campionessa .
Il verdetto è amarissimo non solo per Sara, ma per tutti noi Italiani, che insieme a lei abbiamo creduto,sudato, lottato e gridato fino all’ultimo quindici .
Se ripenso allo sciagurato epilogo della partita, terminata con un doppio fallo, da appassionato di tennis e da tifoso della Errani, provo grande rammarico, anche se resta la consapevolezza che Sara ha profuso tutte le sue energie fisiche e mentali.
Grande coraggio e sagacia tattica l’hanno contraddistinta anche questa volta, ma, dopo quasi tre ore e mezza di pura tensione agonistica, è anche normale che nelle gambe di Sara si accenda la spia della riserva di benzina.
Dobbiamo essere orgogliosi e fiduciosi della nostra Super-Sara, che ha gettato
il cuore oltre l’ostacolo, uscendo a testa altissima dal torneo.

3 Responses to “ “Errani al Masters di Istanbul”

  1. Anonymous ha detto:

    Ciao Dario,era un pò di tempo che pensavo di scriverti,ma volevo leggere più articoli in modo da poter dire qualcosa di più sulle tue capacità,ed ora eccomi qui!Ho un nipote che fa, con la tua stessa passione,il giornalista e proprio a lui ho fatto leggere i tuoi articoli.Ne è rimasto davvero colpito e ha espresso dei giudizi entusiastici sul tuo modo di scrivere.Sono tanti i ragazzi che vorrebbero fare questo lavoro,ma scrivere e parlare di quelle che sono le proprie passioni,nel tuo caso il calcio e il tennis,non è proprio da tutti!Tu lo fai già molto bene,perchè ci metti impegno e passione,lo si capisce perchè quando scrivi ti emozioni,ed è come se entrassi con tutto te stesso nei tuoi articoli.Quindi,caro Dario,se credi in questa cosa,inseguila con convinzione,il vero giornalista ha un unica passione:il giornalismo e gli piace raccontare tutto,dalla politica al calcio,dall’economia alla diplomazia,allo stesso modo ,perchè quello che gli interessa è comunicare con chi legge e tu lo stai facendo già molto bene. Bravo Dario…AD MAIORA

  2. Anonymous ha detto:

    La tua perentoria domanda esige un’altrettanto perentoria risposta.Mi chiamo Giovanni,mi piace scrivere,mi piace leggere e seguo gli articoli di sport dai tempi del Guerin sportivo!Se non sai cos’è prova a chiedere in giro.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *