Sabine Lisicki: una sconfitta per ripartire

In un Wimbledon dove il mondo gira al contrario ci aspettavamo un botto finale, una sorpresa, un qualcosa di nuovo che illuminasse questa edizione dei championships. Magari una vittoria di Sabine Lisicki. Nulla da fare per la tedeschina, che per la prima volta sente il profumo di una finale slam. Lei, ragazza umile tenace si è arresa all’ultimo ostacolo, con un pianto liberatorio che è l’emblema del lungo calvario che ha dovuto attraversare durante la sua personalissima finale. Sabine, ha infatti
vissuto una finale dai due volti, lottando contro la sua tensione e contro l’avversaria. Cosa impensabile se si pensa che appena una settimana fa, aveva spazzato fuori Serena Williams, non una a caso ma era un’altra circostanza. La Lisicki, è inesperta a gestire determinate pressioni in
palcoscenici così prestigiosi, tanto che al termine della gara ha dichiarato:” non sono riuscita a gestire la situazione Marion, ha giocato meglio”. Infatti lo strapotere della sua avversaria, si è evidenziato durante tutto l’incontro, con un punteggio 6-1 6-4 che non ammette repliche. Ma Wimbledon, è un punto di partenza non di arrivo per una ragazza di cui i tanti appassionati del tennis sentiranno parlare molto in futuro.

Dario Ricciardi      

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *